Il lavoro di rete è la modalità che da sempre caratterizza l’attività metodologica e quotidiana della Cooperativa Fior di Loto Onlus. Progettualità aperte, intervento socio sanitario affiancato a percorsi di vita integrata con il tessuto sociale: un progetto di vita per le persone con fragilità e disabilità che non si limiti al mero aspetto assistenziale ma riabilitativo.

Questa metodologia estesa ha portato la Cooperativa, in partnership con le associazioni A.G.A., MantoGas ed Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – sezione territoriale di Mantova e con l’adesione di una strutturata rete di soggetti pubblici e del privato sociale (Consorzio Progetto Solidarità, Comuni di Villimpenta, Marmirolo, Bagnolo San Vito, Castelbelforte, Unione dei Comuni Lombarda Mincio Po, Bagnolo San Vito, Associazione Nelumbo, Associazione C.N.G.E.I. e Istituto Superiore Agrario Strozzi di Palidano), a partecipare al “Bando Emblematici Maggiori” di Fondazione Cariplo, al fine di creare nuovi servizi residenziali e diurni, un nuovo progetto di azione collettiva, con il nome di “LUNARI – una comunità in movimento”. 

 Nel suo complesso ogni azione di Lunari mira a garantire un miglioramento della qualità della vita di persone con disabilità e delle loro famiglie, attraverso un percorso ri-abilitativo protetto ma “attivo”, in stretto rapporto con la natura e i suoi frutti, volto al conseguimento del maggior livello di autonomia possibile.

 Lunari è, letteralmente, un “luogo fisico e di senso”: nome con cui i nostri nonni indicavano il calendario, Lunari regola gli aspetti della vita, dell’agricoltura, del verde, del bosco e delle persone tutte.

 Il progetto si svilupperà su un’estensione territoriale totale pari a circa 13.000 mq; le strutture, cuore pulsante di tutte le azioni di integrazione ed innovazione sociale, sorgeranno su terreno di proprietà della Cooperativa adiacente all’attuale cascina rurale, generando una continuità tra l’edificio esistente (il Centro Diurno Disabili) e gli spazi di nuova creazione, che saranno: una Comunità Socio Sanitaria  (una casa per dieci persone con disabilità medio-grave) ed un Centro Socio Educativo (uno spazio laboratorio per quindici persone con disabilità medio-lieve) per un totale di 700 mq su tre piani, affiancati da “Narciso e Pomodoro”, un orto sociale dove l’attività quotidiana di cura del verde, produzione e trasformazione di ortaggi e piante aromatiche promuoveranno percorsi riabilitativi e di integrazione (4000 mq) e da “Prospero e Ariel”, un giardino sensoriale progettato su un’area boschiva, strutturato per essere fruibile ed accessibile dalle persone con disabilità, ma aperto anche alla collettività (8000 mq).

 Il cronoprogramma progettuale è di 39 mesi, attualmente già in corso. 

 Le risorse stimate per il completamento integrale delle nuove strutture affiancate da orto sociale e giardino, sono pari a tre milioni di euro, di cui un milione finanziato da Fondazione Cariplo. 

 Per le restanti necessarie risorse, si lavorerà nei prossimi mesi con iniziative di raccolta fondi dedicate. Maggiori informazioni, costantemente aggiornate, sono e saranno disponibili sul sito dedicato www.sostienilunari.it e sui canali social FB e IG @coopfiordiloto.